Quali negozi non accettano o hanno smesso di accettare Apple Pay (e come scoprirlo)

Apple Pay è una delle piattaforme di pagamento mobile più popolari, con supporto a una vasta gamma di rivenditori in tutto il mondo. Ma non è accettato ovunque (abbastanza ancora).

Inoltre, capire quali negozi accettano attualmente Apple Pay alla cassa può essere complicato. Quindi, ecco tutto ciò che devi sapere su quali negozi non accettano Apple Pay (e perché), oltre a scoprire quali negozi fanno.

Dove non puoi usare Apple Pay?

Apple Pay è un modo semplice per effettuare pagamenti in negozio, ma non tutti i rivenditori lo accettano.

Mentre Apple Pay è accettato da una vasta gamma di rivenditori diversi, ci sono ancora alcune aziende che non supportano la piattaforma di pagamento Apple proprietaria.

Per la maggior parte, questi rivenditori rientrano in una delle due categorie: negozi che semplicemente non accettano ancora Apple Pay e negozi che non hanno intenzione di prendere Apple Pay.

Indipendentemente dalla categoria in cui rientrano, ci sono un certo numero di grandi catene di vendita al dettaglio in tutto lo spettro che attualmente non accettano Apple Pay. Quello include:

  • Walmart
  • Dick's Sporting Goods
  • Bagno da letto e oltre
  • Kroger
  • Lobby per hobby
  • Guitar Center
  • Home Depot
  • K-Mart
  • Sam's Club
  • Lowe

Alcune di queste catene supportano i sistemi di pagamento senza contatto, ma non supportano Apple Pay. Walmart, ad esempio, ha piattaforme di pagamento senza contatto disponibili per il proprio Walmart Pay proprietario. Altri rivenditori non hanno alcun tipo di infrastruttura di pagamento senza contatto impostata.

Walmart supporta Apple Pay?

Gli utenti ci chiedono sempre se Walmart supporta Apple Pay? Walmart è una delle poche aziende che ha resistito a saltare sul carro della Apple Pay.

Se stai usando Walmart per gli acquisti online, ci sono alcuni modi per completare i tuoi acquisti. In questo articolo dettagliato di seguito, ti guidiamo attraverso alcune delle possibilità di shopping online su Walmart usando il tuo iPhone o iPad.

  • Walmart accetta Apple Pay? Cosa puoi usare invece?

Negozi che hanno disattivato il supporto Apple Pay

Inoltre, esiste in realtà una terza categoria di negozi. Negozi come JCPenney utilizzavano Apple Pay, ma per un motivo o per l'altro hanno tagliato il supporto per il metodo di pagamento.

C'è anche la domanda sul perché questi negozi non accettano Apple Pay (o perché hanno disattivato il supporto Apple Pay). Ci occuperemo qui di seguito, ma la cosa da asporto generale è che dovrai estrarre una carta di credito o contanti in queste principali catene di negozi.

Piccoli negozi al dettaglio

Tieni presente che questi sono solo i principali rivenditori che non accettano Apple Pay. Ci sono indubbiamente molti minimarket, negozi di alimentari, distributori di benzina, negozi di alimentari e rivenditori locali che non accettano alcun tipo di piattaforma di pagamento mobile.

Per la maggior parte, quei rivenditori probabilmente non hanno le risorse per implementare sistemi di punti vendita basati su NFC. Mentre Apple Pay sta guadagnando terreno tra i grandi, c'è una buona probabilità che il tuo angolo locale non abbia intenzione di prendere Apple Pay per il prossimo futuro.

Perché alcuni rivenditori non accettano Apple Pay

Alcuni rivenditori, come Walmart, hanno sviluppato i propri sistemi di pagamento senza contatto.

Si può immaginare che il lento lancio di Apple Pay sia colpa di Apple. Ma nella maggior parte dei casi, i rivenditori sono in realtà il motivo principale per cui Apple Pay non è accettata ovunque.

Ad esempio, molte catene di negozi hanno dato il via a un consorzio di società chiamato Merchant Customer Exchange (MCX). L'obiettivo di quella coalizione era di sviluppare modi per i clienti di pagare le merci con i loro dispositivi e di tenere le società tecnologiche come Google e Apple fuori dall'equazione.

Ci sono un paio di ragioni per questo, come ha sottolineato Recode nel 2014 sull'argomento. I metodi di pagamento proprietari consentono ai rivenditori di mantenere i dati dei clienti lontani dalle aziende tecnologiche e di inviare coupon direttamente ai clienti, ad esempio.

Ma il motivo principale è che lo sviluppo di metodi di pagamento proprietari è semplicemente più economico per le società di vendita al dettaglio.

Mancanza di infrastruttura

Come accennato in precedenza, ci sono anche negozi che accettano Apple Pay ma non lo fanno più. Questa è un'altra situazione del tutto. E, almeno in alcuni casi, ha poco a che fare con i rivenditori che tentano di sviluppare le proprie piattaforme di pagamento di prima parte.

JCPenney, ad esempio, ha dichiarato a TechCrunch in una dichiarazione che ha disabilitato tutti i sistemi di pagamento senza contatto prima della scadenza del 13 aprile 2019.

Tale termine richiedeva che i commercianti statunitensi che accettano pagamenti senza contatto per supportare anche le funzionalità di chip senza contatto EMV. JCPenney non disponeva dell'infrastruttura per questo, quindi ha adottato un approccio a "terra bruciata" e ha disabilitato del tutto i pagamenti senza contatto nei suoi negozi.

Raccolta dati

Potrebbe esserci anche un'altra ragione un po 'più insidiosa per cui alcuni rivenditori sono meno aperti all'utilizzo di sistemi di pagamento mobili di terze parti, e in particolare Apple Pay.

Apple Pay è una piattaforma estremamente sicura; è dotato di una serie di meccanismi che gli consentono di essere così impenetrabile. Uno di questi meccanismi è noto come DAN (Device Account Number).

Senza entrare troppo nelle erbacce, un DAN essenzialmente consente agli utenti di effettuare un pagamento senza rivelare il numero di carta effettivo che hanno utilizzato.

Apple Pay sul tuo Apple Watch avrà un DAN diverso rispetto alla stessa carta sul tuo iPhone. Ciò rende molto più difficile per i rivenditori tenere traccia degli acquisti dei loro clienti e creare un profilo da tali dati.

Le maree stanno cambiando

Apple Pay sta rapidamente guadagnando terreno come uno dei metodi di pagamento mobile più popolari negli Stati Uniti e altrove.

Nonostante tutti i motivi per cui i principali rivenditori devono tenere Apple Pay fuori dai loro negozi, la marea sembra finalmente cambiare.

CVS Pharmacy, ad esempio, ha iniziato a supportare Apple Pay in diverse località degli Stati Uniti nell'ottobre 2018. Costco, un'altra importante tenuta, ha iniziato ad accettare la piattaforma di pagamento Apple ad agosto. E forse in particolare, Target ha iniziato ad accettare Apple Pay e altri metodi di pagamento senza contatto di terze parti all'inizio di quest'anno. Ciò lascia Walmart come uno dei pochi grandi rivenditori rimasti negli Stati Uniti come riserva.

La domanda dei consumatori, ovviamente, è uno dei motivi per cui i rivenditori vacillano. Apple Pay è conveniente e sempre più consumatori vogliono poterlo utilizzare nei negozi che frequentano.

Ma uno dei motivi principali per cui i membri dell'MCX hanno iniziato a trovarsi è che la piattaforma di pagamento che stavano sviluppando, CurrenctC, è stata un fallimento assoluto. Mentre è stato originariamente creato come un killer di Apple Pay, CurrentC non è mai riuscito a decollare. Ciò è dovuto a diversi motivi, tra cui il fatto che sembra dare la priorità ai rivenditori rispetto ai consumatori e che non si è adattato alle abitudini dei consumatori.

Anche se è troppo presto per dirlo, guardando al settore attuale, è probabile che le piattaforme di pagamento basate sulla tecnologia come Apple Pay continueranno a guadagnare terreno mentre quelle basate sui rivenditori, come Walmart Pay, svaniranno.

Qual è il futuro di Apple Pay?

Ovviamente, vale la pena ricordare che l'accettazione mainstream di Apple Pay negli Stati Uniti non è avvenuta dall'oggi al domani - e non è probabile che faccia grandi balzi.

Per uno, i sistemi di punti vendita senza contatto come Apple Pay sono relativamente scarsi negli Stati Uniti almeno, rispetto ad altri paesi. Nel 2014, ad esempio, solo il due percento dei rivenditori in realtà disponeva dell'infrastruttura per supportare Apple Pay negli Stati Uniti. Da gennaio, circa il 65 percento dei rivenditori ora accetta Apple Pay.

Parlando di altri paesi, Apple Pay sta rapidamente guadagnando terreno anche in termini di accettazione internazionale. Proprio quest'anno, Apple Pay dovrebbe essere lanciato in Grecia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Estonia e Romania. Solo pochi giorni fa, la piattaforma di pagamento ha debuttato ufficialmente in Austria.

Come scoprire quali negozi accettano Apple Pay

Puoi facilmente trovare negozi che accettano Apple Pay utilizzando Apple Maps.

A questo punto, stiamo puramente coprendo le tendenze generali di Apple Pay nel settore. Ma la cosa più importante per i consumatori è scoprire quali negozi intorno a loro accettano Apple Pay.

Fortunatamente, ci sono un paio di metodi.

Apple, da parte sua, ha un'intera pagina web dedicata alla sua piattaforma di pagamento mobile. Quella pagina contiene un elenco aggiornato dei principali rivenditori che accettano Apple Pay.

Ci sono anche altri siti su Internet che aggiornano regolarmente i propri elenchi di catene e negozi che supportano Apple Pay. Vale sicuramente la pena dare un'occhiata se vuoi le informazioni più aggiornate.

Puoi anche utilizzare Apple Maps per vedere quali negozi intorno alla tua posizione specifica supportano Apple Pay.

  • Apri l'app di Apple Maps.
  • Cerca la catena di negozi o il negozio in questione.
  • Tocca la posizione pertinente.
  • Scorri verso il basso per visualizzare le informazioni relative a quel negozio.
  • Sotto l'intestazione Utile da sapere, dovresti visualizzare un segno di spunta e Accetta Apple Pay se il negozio supporta la piattaforma di pagamento.

Apple lancia Apple Pay in sempre più paesi. È sicuramente qui per rimanere mentre Apple sposta la sua attenzione sul ri-energizzare i suoi servizi per fornire valore ai suoi utenti e azionisti. Recentemente Apple ha implementato un ulteriore supporto NFC nel prossimo iOS 13. L'aggiornamento di Apple al suo framework Core NFC per iOS 13 includerà il supporto per la lettura di passaporti e documenti di identità, il produttore di app per il controllo dei chip Innovalor ha confermato a NFC World.